IL TESTAMENTO DI GESU’ – Romano Guardini

      Commenti disabilitati su IL TESTAMENTO DI GESU’ – Romano Guardini
0 0
Read Time1 Minute, 20 Second

Come evitare il rischio di assistere da spettatori all’eucaristia? Queste domande radicali fanno da sfondo alle riflessioni di Guardini sulla messa che qui si succedono in forma di puntuali schizzi.

Poco prima di morire, durante l’ultima cena, Gesù fece dono ai suoi dell’eucaristia, il ‘segno’ nel quale voleva essere ‘ricordato’ per sempre, una sorta di testamento che avrebbe accompagnato il cammino della Chiesa nella storia. Come avviene per tutti i doni di Dio, il dono del corpo e del sangue del Signore va riconosciuto nel suo senso e apprezzato nel suo valore per essere realmente accolto e diventare così nutrimento della vita. Ma quali sono le disposizioni dello spirito necessarie perché ciò si realizzi? Come evitare il rischio di assistere da spettatori all’eucaristia? Queste domande radicali fanno da sfondo alle riflessioni di Guardini sulla messa che qui si succedono in forma di puntuali schizzi. Guardini individua e approfondisce le condizioni preliminari per accedere all’incontro con Dio nello spazio del rito eucaristico: il silenzio dell’animo, la tensione dell’ascolto, il raccoglimento interiore, la consapevolezza del luogo e del tempo sacro, la gratuità come «sublime mancanza di scopo». Questi e altri ancora sono i presupposti indispensabili perché la ricchezza dell’eucaristia non venga dissipata nell’abitudine, nel sentimentalismo e nell’inadeguatezza. Guardini illumina con la genialità del grande maestro tali atteggiamenti dello spirito che, soli, consentono di gustare il passaggio del Signore. È a questo livello del vissuto individuale e comunitario che si pone il compito dell’«educazione liturgica», da realizzare con la massima cura e urgenza: diversamente, la riforma avviata dal Concilio rischia di non diventare esperienza del popolo cristiano.

Link del libro