Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira

Vicariato di Gambarare, Patriarcato di Venezia

ORARIO S. MESSE

SAN NICOLO'

     Festive:  8:00-10:30-18:30
    •  Prefestive sabato:  18:30
  •  Feriali:   18:00
    •  Celebrazioni
    • SAN MARCO

         Festive:  10:00
      •  Prefestive sabato:  17:30
      •  Feriali:  8:30
      • Monastero Agostiniane
          •  Festive:  9:00
          •  Feriali:  7:00

DOCUMENTI


slide dell'incontro sull'Unione Europea

GRUPPO SCOUT MIRA 2

CALENDARIO ATTIVITA'

GIOVANI SUPERIORI

FOTO NEWS


SANTI PORTA ACCANTO


SCUOLA SAN PIO X


SONO APERTE LE ISCRIZIONI PER L'ANNO 2019-20

CENTRO S. MARTINO


MULTIMEDIA


ATTENTI ALLE TRUFFE


VITA IN DIOCESI...







 



 


METEO

Chiesa di San Nicolò (Patrono di Mira)


ALTARE DI SAN GIUSEPPE


Anche questo altare si trova all'interno di una cappella, sulla parete di sinistra, ed è dedicato appunto al padre putativo di Gesù. 

Almeno fino al V secolo il santo è rappresentato come un uomo vecchio e barbuto. Lo sposalizio, il sogno di Giuseppe, la presentazione di Gesù al tempio, furono temi largamente trattati dal secolo XIV; nel periodo del Rinascimento Giuseppe appare sempre nella Sacra Famiglia, mentre, specialmente dopo il Concilio di Trento, ebbe più spazio la scena della sua morte. La figura di San Giuseppe artigiano si sviluppa nel XIX secolo e dall'Ottocento in poi si sviluppa la figura del santo con il Bambino in braccio, di un padre amoroso che tiene con delicatezza e premura il Figlio. Appoggiato sul petto il giglio, simbolo della purezza e della giustizia. 

L'edificio che appare sulla parte inferiore della tela è, con molta probabilità, la nostra chiesa come si presentava nel XIX secolo. Si osservi, rispetto all'immagine dell'incisione del Costa, come l'altezza sia aumentata, le grandi vetrate siano murate nella parte inferiore, la mancanza del rosone, anch'esso chiuso, e come pure il campanile, specialmente nella zona cuspidale abbia subito degli interventi non indifferenti.