Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira
Comunità Cristiana di San Nicolò e San Marco di Mira

Vicariato di Gambarare, Patriarcato di Venezia

ORARIO S. MESSE

SAN NICOLO'

     Festive:  8:00-9:30-11:00-18:30
    •  Prefestive sabato:  18:30
  •  Feriali:   18:00
    •  Celebrazioni
    • SAN MARCO

         Festive:  10:45
      •  Prefestive sabato:  17:30
      •  Feriali:  8:30
      • Monastero Agostiniane
          •  Festive:  9:00
          •  Feriali:  7:00

GREST 2019

DOCUMENTI


dichiarazione per il padrino o madrina


slide dell'incontro sull'Unione Europea

GRUPPO SCOUT MIRA 2

CALENDARIO ATTIVITA'

GIOVANI SUPERIORI

FOTO NEWS


SANTI PORTA ACCANTO


SCUOLA SAN PIO X


SONO APERTE LE ISCRIZIONI PER L'ANNO 2019-20

CENTRO S. MARTINO


MULTIMEDIA


ATTENTI ALLE TRUFFE


VITA IN DIOCESI...







 



 


METEO

Speciale: Campanile

(per visualizzare la storia del campanile)

IL CASTELLO DELLE CAMPANE (2/3/17) 

Ecco il nuovo castello delle nostre campane; è stato montato e testato in officina e prossimamente dopo la zincatura, sarà montato nella cella campanaria. Speriamo di farcela per Pasqua!

      


LA SISTEMAZIONE DELLA CROCE

Ecco alcune foto del collocamento della croce! A collaborare personalmente anche don Gino, che vedete sorridente insieme agli operai. La croce, visibile a distanza presto sarà visibile anche a poca distanza man mano che verrà smontato il ponteggio più in alto.

Nelle altre immagini potete vedere la croce in tutta la sua eleganza.

Molti ci chiedono com'è la vista dall'alto!!! Beh è bellissima, ma se volete vedere delle foto fatte da un professionista vi conviene andare presso il fotografo Fotostudio80 di via Nazionale e farvi mostrare le foto che ha fatto venerdì scorso con il cielo terso per avere un'idea di cosa si vede dal nostro campanile.

        


LA CROCE E' TORNATA AL SUO POSTO

La croce è tornata in cima al campanile. Il trasporto e il collocamento della croce si sono svolti regolarmente e con relativa facilità. Ora speriamo che vedendola nel nostro cielo ci possa aiutare ad avere più presente Gesù nei nostri cuori e nelle nostre menti e a guardare alle croci della nostra vita in unione a quella del Signore. 

Nella seconda immagine vedete il lato ovest del campanile con una grossa macchia di bagnato, tranquilli, nulla di cui preoccuparsi; in questi giorni si sta procedendo alla pulitura delle superfici con una lancia a 150 atmosfere, ecco spiegato il motivo della comparsa dell'acqua in discesa dall'impalcatura. A breve contiamo di mettere on line alcune foto panoramiche della nostra città. Al prossimo aggiornamento!


PRIMA DI PORRE LA CROCE

I lavori di restauro procedono regolarmente nonostante il brutto tempo di questi giorni. Nei prossimi giorni la croce benedetta dal patriarca Francesco verrà collocata nel suo alloggiamento (foto qui a lato) e così rivedremo sul cielo della nostra città il segno consolante e carico di speranza dell'amore del Signore per noi. Avrete senz'altro visto che la croce non è più sul piazzale; è infatti stata portata nel campo da basket all'interno del cantiere così da permettere gli ultimi aggiustamenti prima della salita in cima!

     

Nella terza foto vedete uno scorcio delle due campane che si affacciano sul lato nord del campanile, quello verso via Nazionale per intenderci. Sono in corso delle verifiche sull'incastellatura delle campane che pare aver manifestato dei segni di deterioramento piuttosto marcati, vi terremo aggiornati.



Era da qualche tempo che la croce si era leggermente piegata verso la chiesa, facendoci pensare che l’età di oltre 70 anni del nostro campanile forse iniziava a pesare sulle spalle del nostro “paròn de casa” (così i veneziani chiamano il campanile di san Marco),  così un sopralluogo organizzato dall’architetto Roberto Zuin che sta seguendo i lavori con grandissima passione ha permesso di constatare un grave deterioramento del basamento della croce del campanile e della parte metallica della stessa croce all’interno del suo alloggiamento. Il sopralluogo che doveva permetterci di valutare il da farsi si è trasformato in pochi minuti nella rimozione della croce che al solo tocco della mano dell’architetto si è definitivamente rotta e, come potete vedere nelle immagini, è stata immediatamente rimossa dal campanile.


Nel corso di questo “sopralluogo” è stato raccolta un abbondante documentazione fotografica che ha permesso nel corso dell’estate di valutare l’intervento necessario per ricollocare la croce e provvedere ad una più estesa manutenzione della parte sommitale del campanile.













Nel frattempo la croce vecchia è stata giudicata irrecuperabile ed è custodita nel retro della canonica ma al più presto contiamo di trovare una collocazione dignitosa per questa “sentinella” che ha vegliato sul cielo della nostra città dal 1939. A garantire una croce nuova (foto a fianco) è intervenuta l’officina OMECA di Cavalletto di Mira Piazza Vecchia che ha offerto il manufatto copiandolo dalla precedente in modo che la skyline di Mira non sia diversa da prima. La croce è esposta nel piazzale della chiesa e rimarrà in questo luogo fino al momento in cui verrà issata sul campanile.

I lavori sono iniziati lunedì 4 aprile e dovrebbero concludersi entro due mesi dalla fine del montaggio del ponteggio, e prevedono oltre alla sistemazione della croce nuova, un’opera di restauro completo delle celle campanarie, della lanterna (la parte ottagonale sopra alle campane) con la stilatura dei mattoni faccia vista della lanterna e della copertura che verrà eseguita  con una lastra di zinco-titanio oltre ad altri dettagli scrupolosamente previsti dall’architetto R. Zuin.

E’ un lavoro impegnativo ma serio e duraturo, alcune criticità infatti che erano già emerse negli anni passati e di cui si è trovata traccia nell’archivio della parrocchia e dai segni di precedenti interventi sulla torre non erano state affrontate in modo adeguato e hanno comportato in certi casi l’aggravarsi della situazione (la base della croce, per esempio, era stata riempita di poliuretano espanso che ne ha accelerato il processo di deterioramento). Così abbiamo preferito optare per un lavoro completo che garantisca al nostro campanile una buona salute per lunghi anni!

Ormai è completato il ponteggio. Ora si passa alla fase del restauro vero e proprio! Oggi, se ci avete fatto caso, ci sono stati alcuni rintocchi delle campane. E' infatti intervenuto a verificare la situazione dell'impianto delle campane il signor Giacometti dell'omonima ditta che, mentre scriviamo, è ancora nella cella a svolgere i controlli necessari! 

Con l'occasione rivolgiamo un invito a chi avesse fotografie della costruzione del campanile o avesse dei ricordi di quell'epoca a farsi vivo anche via mail per poter raccogliere qualche aneddoto sulla storia della nostra torre campanaria. 

Forse qualcuno ha un parente anziano che può raccontare qualcosa...fatecelo sapere e faremo in modo di metterci in contatto con l'interessato!!!